FlashNews

Cefpas FlashNews 6 dicembre 2019

 
Servizio Comunicazione CEFPAS
Cefpas FlashNews 6 dicembre 2019
by Servizio Comunicazione CEFPAS - Friday, 6 December 2019, 2:12 PM
 


Cefpas FlashNews  6 dicembre 2019





Pubblicato l'avviso MEST 2019-2020


E' online su  www.cefpas.it l’avviso per la partecipazione al “Corso teorico-pratico triennale in medicina di emergenza-urgenza 2020-2022”. 

L’ammissione darà diritto alla partecipazione al percorso formativo articolato in 10 edizioni, ciascuna destinata ad un massimo di 24 partecipanti, distribuite in tre scaglioni temporali. I posti disponibili per il percorso formativo regionale sono 240.

Al fine di agevolare una diffusa partecipazione, il Centro accetterà le domande di partecipazione in tre finestre temporali: la prima scadrà alle 23.59 del 16 dicembre 2019, la seconda alle 23.59 del 31 gennaio 2020 e la terza alle 23.59 del 31 maggio 2020. La domanda di ammissione e l'Allegato 1 devono essere inoltrate a mezzo PEC (posta elettronica certificata) all’indirizzo: cefpas@legalmail.it

Tra i requisiti di ammissione, il possesso della cittadinanza italiana o di uno degli stati membri dell’Unione Europea, il conseguimento della laurea in Medicina e Chirurgia, l’iscrizione all’albo dell’Ordine dei Medici-Chirurghi. La frequenza ad entrambe le fasi del corso teorico-pratico triennale in medicina di emergenza urgenza 2020/2022 è incompatibile con la frequenza ai corsi di specializzazione medica al corso triennale di formazione specifica in Medicina Generale. 

Alcuni dati sul percorso: la Fase 1 del Corso teorico-pratico triennale in Medicina di Emergenza Urgenza – CMEU 2020/2022 si svolgerà al CEFPAS in dieci edizioni. Le prime 4 avranno inizio alla fine del mese di gennaio 2020.

Le 210 ore di formazione interattive, previste nel bando, hanno carattere intensivo e si svolgeranno per tutto il mese di febbraio e nel corso delle prime settimane del mese di marzo 2020, per l’intera settimana dal lunedì al venerdì - pomeriggio compreso. 

Il tirocinio, per complessive 150 ore, sarà articolato in turni di 6 ore e avrà luogo da marzo ad aprile 2020 presso i mezzi mobili delle Centrali Operative del 118 e gli ospedali che saranno identificati a questo fine.

La conclusione della Fase 1 del corso è prevista per il mese di aprile, con gli esami finali ai quali saranno ammessi i partecipanti in regola con le presenze e che avranno superato il test finale dei moduli interattivi ACLS, PTC e PALS, come previsto dal bando pubblico nella GURS concorsi n.13 del 29 novembre 2019, al quale si rimanda per gli altri aspetti del corso.

I partecipanti che abbiano frequentato con regolarità la fase 2, saranno ammessi all’esame finale del “Corso teorico-pratico triennale in medicina di emergenza-urgenza 2020-2022” e riceveranno il relativo attestato. La commissione esaminatrice sarà nominata con provvedimento formale dal Direttore del CEFPAS. 

Le altre tre edizioni del corso avranno inizio nel mese di aprile, mentre le ultime tre edizioni verranno avviate nel mese di settembre 2020.

Valentina C. Botta Servizio Comunicazione, serviziocomunicazione@cefpas.it 




Accesi i riflettori sul Salus Cinefestival il 9 e il 10 dicembre a Caltanissetta

Caltanissetta, 9-10 dicembre 2019

Sarà la quinta edizione della prima - e unica - rassegna cinematografica italiana dedicata ai corti sul tema della salute quella che aprirà i battenti il 9 e 10 dicembre a Caltanissetta, nello spazio ottocentesco del teatro "Margherita" con il patrocinio della Cineteca di Bologna. 

Conduttore della manifestazione, che vedrà in concorso corti inediti provenienti da tutto il mondo, il direttore artistico del Salus Cine festival Pier Sergio Caltabiano: "Non esiste un linguaggio metaforico più coinvolgente del cinema  - ha detto Caltabiano -  in grado di interpretare e generare le nostre emozioni, le nostre gioie e i nostri dolori, le nostre paure, speranze e angosce. Il cinema è vita ed è arte. Grazie al cinema "frutto di quell'accordo tra occhio e coscienza", come diceva Antonioni, l'opera cinematografica estende il possibile all'impossibile, costruisce nuovi paradigmi". 

Molti sono in Italia infatti, gli esempi di come l'arte cinematografica, proprio in virtù della sua potenza evocativa, è impiegata per il trattamento delle malattie cronico degenerative del sistema nervoso, come ad esempio il progetto CIACK del Niguarda o MediCinema al Gemelli o introdotta in alcuni setting psicoterapici per facilitare insight e cambiamento generativo. 

Ospite d'onore della quinta edizione del Salus Cinefestival, cui sarà assegnato il premio alla carriera, Marco Pontecorvo, figlio di Gillo e regista di "Pa-ra-da" . 

Tutto il programma della manifestazione su http://www.salusfestival.it/salus-cinefestival/

Valentina C. Botta, serviziocomunicazione@cefpas.it


 

Si chiude all’Eschilo la tappa gelese del Salus Festival 2019


Si è conclusa ieri nella cornice del “Teatro Eschilo” di Gela l’appuntamento gelese della quinta edizione del Salus Festival, manifestazione dedicata alla prevenzione e alla promozione dei sani stili di vita. La kermesse dedicata alla salute ha ancora una volta evidenziato la centralità della prevenzione per la promozione della salute e dei corretti stili di vita e la sua strategicità per una territorio, come quello di Caltanissetta e Gela, che ha sostenuto l’impegno territoriale delle istituzioni in grado, ancora una volta, di “fare rete” attorno al tema della salute.

Incentrata sul “dono” la prima parte della mattinata, che ha visto la testimonianza, tra le altre, di ADOCES, FIDAS, AIDO e  e di Bruna Piazza direttore del Centro regionale trapianti che si è rivolta alla platea di giovani, raccontando della centralità della donazione degli organi e dell’impegno della città di Gela a candidarsi presto come prima “Città del dono” in Sicilia.

La celebrazione della “Festa della vita” come ha detto il Sindaco di Gela Lucio Greco ha avuto culmine nel pomeriggio con l’emozionante costituzione della Breast Unit presso il Presidio Ospedaliero “Vittorio Emanuele” di cui sarà responsabile il dott. Giuseppe Di Martino.

Ad illustrare al pubblico presente in sala i vantaggi della breast unit per la pratica clinica e per il territorio il Luciano Fiorella direttore del presidio ospedaliero gelese:-“Un gruppo di professionisti multidisciplinare dedicato alla patologia mammaria che grazie alla “passione e devozione” che utilizza i migliori percorsi di cura e di trattamento terapeutico per ridurre al minimo gli effetti collaterali ed garantire l’efficacia delle cure, adottando un modello eco-bio-psico-sociale. Le opinioni del singolo vengono sostituite dal confronto multiprofessionale collegiale suffragato da procedure e protocolli in grado di collocare la donna al centro del percorso di cura”.

Il direttore generale dell’Asp di Caltanissetta, Alessandro Caltagirone, affidando al dott. Di Martino l’incarico di guidare la Breast Unit ha detto:-“Questa direzione strategica non fa promesse, dà risposte. Siamo tutti insieme per dare il massimo per gestire la patologia oncologica”.

Nel contempo, siglato il protocollo di intesa tra ASP e diocesi di Piazza Armerina, cui afferisce il territorio di Gela, per la nascita del poliambulatorio “F. Bennici”, che già dal 2018, su base volontaria e gratuita, ha offerto assistenza sanitaria a più di 350 persone, spesso in condizioni di indigenza.

A conclusione della giornata, un minuto di silenzio per ricordare le vittime della tragedia del mercatino di Gela il 5 giugno 2019 e il riconoscimento istituzionale con encomio per il servizio in maxiemergenza agli operatori dell’ASP che hanno gestito in perfetta sinergia di uomini e mezzi la straordinarietà dell’evento. Sul palco, anche il piccolo Enea, nato ad Agosto, esattamente a due mesi di distanza dall’emergenza del 5 giugno 2019 e la cui mamma, allora incinta e prontamente tratta in salvo, si era trovata coinvolta nella tragedia.

Conduttore infaticabile della giornata, Giacomo Giurato, presidente di ADOCES. Fiore all’occhiello dell’appuntamento gelese del Salus Festival 2019, il messaggio dell’attrice e produttrice cinematografica messinese Maria Grazia Cucinotta, a Gela con lo spettacolo “Figlie di Eva” e da anni impegnata per la promozione dello screening oncologico, che ha ricordato l’importanza della prevenzione per salvare le vite delle donne, impegnate sul fronte lavorativo e familiare al punto da dimenticare troppo spesso di tutelare la propria salute.

 

Non è ancora finita: il 9 e 10 Dicembre prenderà il via un momento culturale unico in Italia che unisce cinematografia e salute. Si aprirà infatti il sipario sulla rassegna cinematografica dedicata al cinema per la salute: il Salus Cine Festival, che si svolgerà nell’ottocentesco Teatro Regina Margherita di Caltanissetta dal 9 al 10 dicembre con la visione di numerosi cortometraggi. Ospite d’onore, Marco Pontecorvo, figlio del grande Gillo Pontecorvo e regista del film “Pa-ra-da”, a cui sarà consegnato il premio alla carriera e per i suoi preziosissimi cortometraggi.

serviziocomunicazione@cefpas.it

  

CEFPAS al FORUM nazionale Risk Management

Firenze, 26-29 novembre 2019

Molto apprezzato al recente FORUM nazionale RISK Management di Firenze l'abstract “Aziende sanitarie e comunicazione della crisi: da master del CEFPAS nasce un metodo di comunicazione" presentato da Tommaso Mannone, responsabile dell'executive master in "Risk communciation management" del Cefpas. 

L'abstract presentato da Mannone, è frutto del project work interaziendale ASP Siracusa - Azienda Ospedaliera "Cannizzaro" di Catania grazie all'impegno di Agata di Giorgio - Responsabile Ufficio Stampa, Asp Siracusa, Orazio vecchio - Responsabile Ufficio Stampa, Azienda Ospedaliera per l’Emergenza “Cannizzaro”, Paolo Bordonaro - Dirigente Medico U.O.S. Direzione medica P.O. Rizza, Asp Siracusa e Carmen Conte  - Responsabile U.O.S. Qualità e Rischio Clinico, Asp Siracusa. 

"La contaminazione e la coniugazione linguistica e culturale fra la matrice clinica e quella più legata alla comunicazione pubblica ed istituzionale finalizzata alla gestione del rischio e della crisi in sanità, tra gli obiettivi principali dell'Executive master del CEFPAS - ha dichiarato Pier Sergio Caltabiano il direttore della formazione CEFPAS - ha generato uno strumento di comunicazione capace di esitare in tempi brevissimi comunicati stampa immediati, efficace e già validati dalla direzione aziendale qualora l'azienda si trovi a vivere condizioni di emergenza o di crisi.

Lo strumento, che trae ispirazione anche dal lavoro dell'ATMB (Autoroutes et Tunnel du Mont Blanc) che gestisce il Tunnel del Monte Bianco, è già entrato a regime presso le Aziende di Siracusa e di Catania. 

Valentina C. Botta, serviziocomunicazione@cefpas.it

 


 

© CEFPAS 2005 - 2019 www.cefpas.it
Tutti i diritti riservati

CEFPAS
Centro per la Formazione Permanente e l'Aggiornamento del Personale del Servizio Sanitario
Cittadella Sant'Elia - via G. Mulè, 1 - 93100 Caltanissetta
tel. 0934.505215-229 fax 0934.591266 P.IVA 01427360852

Questa mail è parte integrante dei servizi offerti da formazione.cefpas.it riservata agli utenti registrati. Se non desideri più ricevere la newsletter del CEFPAS, ai sensi del D. Lgs. 196/2003 - art. 7, fai clic su questo link.