FlashNews

Cefpas FlashNews 14 novembre 2018

 
Servizio Comunicazione CEFPAS
Cefpas FlashNews 14 novembre 2018
by Servizio Comunicazione CEFPAS - Thursday, 15 November 2018, 2:21 PM
 


Cefpas FlashNews   14 novembre 2018





Salus Festival 2018: ricco il programma di iniziative


Anche l’edizione di quest’anno del Salus Festival, presenta una fitta e affascinante rete di eventi. L’attenzione alla prevenzione e alla promozione della Salute, nelle sue diverse declinazioni, rimane il cuore pulsante di questa ormai collaudata manifestazione. Pensata per essere vicina alle persone e per coinvolgere responsabilmente la cittadinanza nell’acquisizione di sani stili di vita, diffondendo i fattori protettivi, la conoscenza dei servizi per la salute disponibili sul territorio e delle risorse che creano le condizioni per promuoverla, l’iniziativa, che si sviluppa nelle province di Caltanissetta, Palermo e Catania e sotto lo sguardo attento dell’Assessorato della Salute della Regione Siciliana,  è promossa anche quest’anno dal CEFPAS in collaborazione con le Aziende Sanitarie Provinciali del Servizio Sanitario Regionale. Si parte il 21 novembre prossimo con il CONVEGNO “Adolescenti iperconnessi: quali rischi per la salute? La prevenzione a tutela del benessere dei ragazzi”, che inaugura il Festival e che prevede la prestigiosa presenza di Alberto Pellai, medico e psicoterapeu­ta dell’età evolutiva, ricercatore presso il dipartimento di scienze bio­mediche del­l’Università degli Studi di Milano. Aprirà i lavori, Pier Sergio Caltabiano, direttore della formazione Cefpas. Ai Saluti delle Autorità, Mario Russotto, vescovo di Caltanissetta e Maria Teresa Cucinotta,  prefetto di Caltanissetta, seguiranno gli interventi di:  Ruggero Razza,  assessore della salute della Regione Sicilia, Giovanni Ruvolo,  sindaco di Caltanissetta,  Maria Grazia Furnari commissario straordinario dell’ ASP Caltanissetta,  Giovanni Arnone presidente del Consorzio Universitario,  Salvatore Benfante Picogna,  ufficio VI USR Sicilia AT Caltanissetta-Enna,  Giovanni D’Ippolito,  presidente dell ‘ordine dei medici e degli odontoiatri provincia di Caltanissetta.

Il 22 novembre, il teatro Margherita di Caltanissetta, ospiterà il convegno: Musica, emozioni e benessere psico-fisico, alla presenza del cantautore e musicista siciliano,  Mario Venuti, di Stefania Tschantret, artista musicale e produttrice cinematografica, Aldo Messina,  direttore audiologia AOU Policlinico Palermo,  che si concluderà con la perfomance della scuola di canto di Mariangela Rizza,  MESF 79.

 

Sempre nella giornata del 22 novembre, si svolgeranno altri due convegni: Stili di vita, prevenzione primaria e tutela della salute riproduttiva, nella sede dell’Auditorium Giuseppe Bufalino, adiacente il liceo scientifico “A. Volta” di Caltanissetta e Via dalla violenza: la rete e gli strumenti di inserimento lavorativo per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere, che registrerà, tra gli altri, l’intervento dell’assessore della famiglia e delle politiche sociali, Mariella Ippolito.

 

Fitta di impegni, anche la giornata del 23 novembre. Nella mattinata si svolgerà, presso la sala Giovanni Paolo II del Cefpas, il consueto convegno: Sport e sani stili di vita, mentre, nel pomeriggio, nella sala Garsia del Cefpas, avrà luogo il convegno: Demenze: dalla fisiologia alla terapia.

 

Da sottolineare anche gli appuntamenti del 24 novembre presso il PalaCannizzaro di Caltanissetta: Panormus basket in carrozzina, Rappresentativa regionale down calcio a cinque, Full dance accademy, ASD CUSN Gym Schoolm Mini volley, mini basket,  tiro con l’arco.

 

Anche quest’anno, non mancheranno gli appuntamenti di Quartieri in Salus, che vedranno protagonista il quartiere San Luca, e che si snoderanno in una serie di eventi e possibilità di effettuare screening e visite gratuite dal 21 al 25 novembre, in varie sedi, tra cui: la chiesa di San Luca evangelista, l’ASP 2 di Caltanissetta, la scuola elementare L. Sciascia e la scuola media Rosso di San Secondo, solo per citarne alcuni. Il programma completo, con rispettive sedi e orari sarà comunicato in maniera dettagliata a breve.

 

Una citazione a parte, merita infine, il consueto appuntamento con il  Salus Cine Festival, Festival Nazionale del Cinema per la Salute, che nelle giornate del 23 e 24 novembre, all’interno dello splendido Teatro Margherita di Caltanissetta, vedrà la proiezione di venti corti preselezionati e di 4 lungometraggi, legati da un unico filo conduttore: la cultura della salute. Una giuria tecnica, composta da esperti nel campo della cinematografia e una giuria popolare, composta da studenti universitari e delle scuole medie superiori della città e da alcune associazioni no profit e professionisti del settore, decreteranno poi, la vittoria del miglior corto  in gara e del miglior lungometraggio tra quelli proiettati nelle due giornate. Le due opere vincitrici, saranno annunciate durante la serata del 24 novembre. Durante la serata finale, il pubblico presente potrà assistere alla proiezione del film Per amor vostro, alla  presenza del regista Giuseppe Gaudino, al quale verrà assegnato il premio alla carriera.

Gli incontri della rassegna sono aperti a tutti gli interessati alle suddette tematiche e hanno il duplice obiettivo di valorizzare uno spazio culturale comune ai frequentatori abituali del Cefpas (corsisti e docenti) e renderlo fruibile a tutti i cittadini, promuovendo iniziative di informazione e confronto cognitivo ed esperienziale.

INFO E CONTATTI

Sito ufficiale www.saluscinefestival.it

Pagina Facebook: Salus Cine Festival


Luigia Carbone, carbone@cefpas.it





Adolescenti iperconnessi: quali rischi per la salute? La prevenzione a tutela del benessere dei ragazzi: ancora aperte le iscrizioni


E’ ancora possibile iscriversi al CONVEGNO ECM “Adolescenti iperconnessi: quali rischi per la salute? La prevenzione a tutela del benessere dei ragazzi” (n 4 crediti)  http://formazione.cefpas.it/enrol/index.php?id=2447 che inaugurerà il Salus Festival, il pomeriggio del  21 novembre 2018 e che prevede la prestigiosa presenza di Alberto Pellai, medico e psicoterapeu­ta dell’età evolutiva, ricercatore presso il dipartimento di scienze bio­mediche del­l’Università degli Studi di Milano che terrà una lectio magistralis dal titolo Pre-adolescenti iperconnessi: quali rischi e quale prevenzione possibile”. Pre-adolescenti iperconnessi: quali rischi e quale prevenzione possibile”.

Tra i relatori Maurizio Gentile, psicologo, coordinatore dell’osservatorio regionale sul bullismo e della dispersione scolastica, MIUR - Ufficio Scolastico Regionale; Gloriana Rangone, psicoterapeuta, Co-direttore Scuola di Psicoterapia IRIS- Insegnamento e Ricerca Individuo e Sistemi, Responsabile servizio clinico CTA - Centro di Terapia dell’Adolescenza di Milano Daniele La Barbera, psichiatra Università degli Studi di Palermo; Roberto Ortoleva, psichiatra, responsabile interventi di rete e coordinatore staff DSM c/o Azienda Sanitaria Provinciale 3 Catania. Domenica De Iaco, assistente sociale del Servizio di Psicologia-GIADA dell’Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari, co-coordinatrice delle attività di prevenzione del programma “Teen Explorer”.

Referente Scientifico del Convegno, Pier Sergio Caltabiano – Direttore della Formazione del CEFPAS. Coordinatore del seminario: Eleonora Indorato – Pedagogista clinico, Direzione della Formazione CEFPAS indorato@cefpas.it. Il seminario è rivolto a n. 100 professionisti che operano nel settore dell’adolescenza e a tutte le persone interessate alle tematiche affrontate. Il valore aggiunto del Convegno, in termini di salute, offrirà inoltre ai genitori che intenderanno parteciparvi, un enorme patrimonio di conoscenze e spunti di riflessione per comprendere l’articolata relazione tra adolescenti adolescenza preadolescenza e social media.

Eleonora Indorato, indorato@cefpas.it


 

 

 

Io e gli altri: l’integrazione orizzontale (team building) e l’integrazione verticale(empowerment delega) attraverso l’outdoor training”


Si è concluso, il 14 novembre scorso,  il II modulo del corso di formazione manageriale per Direttori Generali, “Io e gli altri: l’integrazione orizzontale e verticale attraverso il rugby”.  il CEFPAS è stato ospitato dalla Nissa Rugby di Caltanissetta presso lo stadio “M. Tomaselli” di Caltanissetta realizzando la prima attività di formazione esperienziale in outdoor per aspiranti manager della sanità.   

 

Il Direttore della Formazione del Cefpas, Pier Sergio Caltabiano ha avviato l’attività formativa sottolineando come la formazione esperienziale rappresenti un potente strumento di apprendimento che, attraverso l’emozione e la metafora, interpreta le dinamiche che possono verificarsi in ambito organizzativo. I manager del futuro necessitano di interpretare e coniugare approcci differenziati per potenziare le proprie mappe esperienzali e professionali e per sviluppare autoconsapevolezza, presupposto fondamentale per ogni leader e per ogni artefice di team building.

 

Il Responsabile scientifico del corso di formazione manageriale per Direttori Generali, Remo Bonichi, nelle due giornate,  ha osservato il cambiamento comportamentale dei partecipanti dall’aula al campo, l’interazione nella formazione esperienziale è completamente diversa rispetto a quello che succede nell’aula di formazione “tradizionale”. L’essere proattivi e non solo reattivi rappresenta il valore aggiunto dell’esperienza in outdoor e il rugby è una metafora che in maniera trasversale applica le principali skills  nella gestione manageriale di un’azienda. Continua Bonichi, fare squadra non vuol dire solo scegliere i migliori ma lavorare con tutti e con tutte le competenze dei collaboratori, il concetto sovente in azienda è non escludere quelli che possono sembrare poco utili al raggiungimento della performance eccellente.

 

Il trainer del corso, Luigi Mazzotta, formatore e rugbista, ha unito le sue due passioni per proporre un modello di formazione ‘outdoor’ dedicato alle persone che operano nelle organizzazioni e che devono realizzare le proprie ‘mete’ professionali. Fare formazione attraverso il Rugby rappresenta un modello educativo in cui  le regole con le quali si gioca, i riferimenti valoriali e simbolici, i rituali di coloro che lo praticano rappresentano una delle metafore più dense di spunti utili per la formazione di coloro che lavorano nelle organizzazioni e che aspirano a diventare, nei diversi ruoli, più efficaci.

“Ad esempio, il Rugby è sport di squadra per eccellenza, nel quale persone con caratteristiche fisiche e mentali molto diverse devono dare il meglio di sé e cooperare per portare il gruppo alla meta. Allo stesso modo, nelle organizzazioni persone con competenze e ruoli differenti dovrebbero operare sempre in sinergia rispetto agli obiettivi comuni”. Continua Mazzotta, “il Rugby è uno sport caratterizzato da un apparente paradosso (per andare avanti, verso la meta, la palla può essere passata solo indietro) che rende, però, ineludibile la pratica del ‘sostegno’ al compagno, la necessità di stargli vicino per essere pronto a ricevere la palla e proseguire nell’avanzamento. Proprio come desideriamo che avvenga in azienda: l’individualità non scompare, anzi, ma va esaltata all’interno di una visione collettiva”.

Il rugby nasce da una radicale innovazione di processo in cui, l’identità, l’accoglienza, le emozioni, l’assenza di aggressività, la riflessione sono i principali elementi di una leadership più efficace per conseguire i risultati.

I 21 partecipanti al corso di formazione manageriale per DG dopo avere sperimentato alcune attività in campo con l’aiuto e la professionalità dei tecnici della Nissa Rugby, nella fase di debriefing hanno particolarmente apprezzato il valore e l’importanza della comunicazione, dell’attenzione all’altro, dell’ascolto e della conoscenza delle regole.

Il modello organizzativo è una condizione di efficacia per una squadra ma anche per un’azienda e si caratterizza per il livello di competenza, creatività, orientamento al cambiamento, alleanza diffusa e solidità del team.

I giocatori di rugby, nei diversi ruoli che ricoprono, hanno delle competenze e abilità specifiche quali la resistenza, la generosità, l’altruismo, la vocazione al sacrificio, la determinazione, la leadership, l’intelligenza tattica, la velocità, la rapidità, la freddezza, il coraggio, skills trasferibili nella gestione manageriale di una azienda. Il gioco è fondato sull’estrema specializzazione e la cooperazione è la vera magia del rugby.

Fare un’esperienza formativa in outdoor favorisce la revisione dei propri comportamenti partendo dall’osservazione di quelli agiti sul campo. Il concetto di difesa nel rugby non esiste ma esiste quello di attacco non dell’avversario ma dello spazio. Si punta lo spazio che non è un avversario ma un’opportunità.

Eleonora Indorato, indorato@cefpas.it

 

 

 

Digitalizzazione della sanità e della P.A. alla Convention del Management della sanità - FIASO


Manager della sanità pubblica e project manger dell’innovazione digitale  si sono confrontati sui temi della digitalizzazione (dai nuovi trend della Sanità Digitale ai piani di innovazione del Management), durante la prima Convention del Management della sanità, che si è svolta a Roma, dal 7 al 9 novembre 2018 con cui Fiaso ha voluto celebrare i 20 anni dalla sua fondazione.

Tema quanto più attuale dal momento che le novità tecnologiche dei sistemi digitali, come l’automazione dei processi e delle Reti, big data, e intelligenza artificiale, impongono sempre più un ripensamento organizzativo quanto politico per tentare una Data governance nazionale.

Durante questa open session sono state evidenziate criticità negli investimenti economici delle aziende della salute, carenze normative e regolatorie, divari tra i sistemi sanitari regionali. Condivise anche le iniziative di sperimentazione innovativa quali per esempio piattaforme digitali, centralizzate e agili per la condivisone dei dati clinici, che propongono un nuovo rapporto per la gestione del paziente e della sua salute.

Nella conclusioni le visioni prospettiche anche del mercato tecnologico, che comunque hanno ribadito la consapevolezza che l’unico atto medico che si manterrà e che non potrà delegarsi alla tecnologia digitale sarà la prescrizione del medico.

Maria Luisa Zoda, zoda@cefpas.it  

 

 

 

Le PPAA e Il Responsabile per la Transizione Digitale


E’ il Responsabile per la transizione digitale (RTD) il  nuovo interlocutore nel panorama della PA digitale, secondo quanto ribadito dalla Circolare n. 3/2018 del Ministero della Pubblica Amministrazione, adottata il 1 ottobre 2018.

Tutte le amministrazioni pubbliche sono quindi sollecitate a individuare al loro interno un RTD con atto organizzativo interno e nell’ambito della dotazione organica complessiva delle posizioni di funzione dirigenziale. Tale figura è prevista dall’art. 17 del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82, “Codice dell’amministrazione digitale”.

Si tratta quindi di un sollecito. L’individuazione era infatti obbligatoria fin dal 14 settembre 2016, ma l’adempimento è stato rispettato da ben poche amministrazioni.

Dotato di “adeguate competenze tecnologiche, informatiche, giuridiche e manageriali”, il RTD ha il compito di supportare la transizione al digitale per l’innovazione della pubblica amministrazione. 

Tra i compiti attribuiti al suo ufficio il coordinamento strategico dello sviluppo dei sistemi informativi, lo sviluppo dei servizi, sia interni sia esterni, forniti dai sistemi informativi, la pianificazione, coordinamento e monitoraggio della sicurezza informatica relativamente ai dati. E ancora, l’analisi periodica della coerenza tra l’organizzazione dell’amministrazione e l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, al fine di migliorare la soddisfazione dell’utenza e la qualità dei servizi.

Sanità digitale nella PA, tra norme regolatorie, mercato e soft skill.

Maria Luisa Zoda, zoda@cefpas.it

 

 

 

© CEFPAS 2005 - 2018 www.cefpas.it
Tutti i diritti riservati

CEFPAS
Centro per la Formazione Permanente e l'Aggiornamento del Personale del Servizio Sanitario
Cittadella Sant'Elia - via G. Mulè, 1 - 93100 Caltanissetta
tel. 0934.505215-229 fax 0934.591266 P.IVA 01427360852

Questa mail è parte integrante dei servizi offerti da formazione.cefpas.it riservata agli utenti registrati. Se non desideri più ricevere la newsletter del CEFPAS, ai sensi del D. Lgs. 196/2003 - art. 7, fai clic su questo link.