Corso teorico - pratico

Modulo 1: 4 (8 ore) - 5 (8 ore) -6 (4 ore) aprile 2018 

Modulo 2: 30 (8 ore) -31 (8 ore) maggio - 1 (4 ore) giugno 2018

Premessa Nella fisioterapia tradizionale l'approccio al recupero e al miglioramento funzionale implica quasi sempre attività che coinvolgono l'escursione di segmenti articolari, o attraverso esercizi aspecifici oppure attraverso esercizi finalizzati al raggiungimento di obiettivi funzionali. Molto spesso però la parte di riabilitazione dedicata agli aspetti automatici del movimento viene presa poco in considerazione quando addirittura non considerata del tutto. Eppure l'automatismo, per quanto appreso, rappresenta il substrato indispensabile al movimento volontario. Diventa indispensabile dunque intervenire con tecniche che possano “dialogare" più compiutamente con gli aspetti relativi all'organizzazione automatica del movimento. Da un punto di vista neurofisiologico i presupposti su cui si fonda la tecnica "Approccio Variabile" sono fondamentalmente due: l’organizzazione funzionale del SNC ed il fuso neuromuscolare. La complessa rete di interazioni dei sistemi corticali e sottocorticali permette l’integrazione di stimoli visivi, vestibolari, motori, sensitivi e propriocettivi, indispensabile per la gestione dei riflessi spinali, schemi di movimento già prestabiliti, ma adattabili al compito motorio secondo quel meccanismo che prende il nome di "atteggiamento funzionale"(Eric R. Kandel, James H. Schwartz, Thomas M. Jessell: Principi di Neuroscienze). La Tecnica "Approccio Variabile" pone quindi l’attenzione, sulla più estesa struttura recettoriale, nonché produttrice di movimento, che è il muscolo, informandolo col fine di stimolare risposte adeguate e significative da parte del sistema nervoso, sia automatiche che volontarie, e di osservare la capacità di adattamento neuromotorio di ogni paziente sia neurologico che ortopedico. 

Obiettivo generale: Sviluppare le conoscenze e competenze dei partecipanti rispetto alla tecnica "Approccio Variabile", sia con riferimento agli aspetti neurologici alla base della tecnica che agli aspetti tecnici delle manovre, imparando a riconoscere i diversi campi di applicazione. Obiettivi di apprendimento 1° Modulo: - Sviluppare le conoscenze sulla tecnica "Approccio Variabile" e sulla raccolta dei dati e analisi della struttura-funzione. - Sviluppare competenze sulla applicazione delle manovre proprie della tecnica "Approccio Variabile" in tutti i distretti 2° Modulo: - Approfondire gli aspetti neurofisiologici alla base della tecnica "Approccio Variabile" - Sviluppare competenze sulla applicazione delle manovre proprie della tecnica "Approccio Variabile" in tutti i distretti e in varie modalità operative di crescente livello di difficoltà.

Destinatari e modalità di iscrizione: 26 tra Fisiatri, Ortopedici, Fisioterapisti e Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell'Età Evolutiva (TNPEE), dipendenti a tempo indeterminato e a tempo determinato (in quest'ultimo caso con segnalazione aziendale) delle Aziende Sanitarie regionali; per questi la partecipazione è a titolo gratuito. In altri casi – che saranno valutati solo in caso di disponibilità di posti – è prevista una quota di partecipazione (E.360.00 per l’intero corso). Saranno ammessi al corso gli iscritti on line sul presente portale, in ordine di arrivo, con priorità per i dipendenti a tempo indeterminato.

Accreditamento: Il corso è accreditato ECM per le figure professionali di Fisiatri, Ortopedici, Fisioterapisti e Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell'Età Evolutiva (TNPEE). Per ricevere i crediti occorrerà aver frequentato entrambi i moduli per tutte le ore di corso previste (40).